eventi eXtra-Ordinari

SABATO’ 28 APRILE * EVENTO SPECIALE: UN MERCOLEDI’… DI SABATO! Spettacolo teatrale “Mi chiamo Egon # 2 – Un posto nella storia” di e con Egon Botteghi

Postato il

locandina EGON 28 aprile 2018_v3

UN MERCOLEDI’… DI SABATO!

E un evento speciale…. alle ORE 21,00, al Café des Arts,
via principe amedeo 33\F – Torino

i mercoledì eXtra-Ordinari sono lieti di presentare lo spettacolo teatrale

“Mi chiamo Egon # 2 – Un posto nella storia” o “Transistor: storie di r-esistenze trans” di e con Egon Botteghi

Mi chiamo Egon # 2 “Un posto nella storia”

“Noi persone trans abbiamo bisogno di sapere di non essere escrescenze nate sulla pelle delle tecnologie mediche occidentali e sottoprodotti del capitale ma che scorriamo da sempre nel sangue degli esseri viventi, che siamo reali.

La narrazione riguardo alle persone trans in Italia è ancora bloccata ad una idea patologizzante e di derivazione psichiatrica:
nel nostro paese si parla infatti ancora delle persone trans come “persone nate nel corpo sbagliato”, persone che “soffrono perchè prigioniere del proprio corpo”, persone che “odiano il proprio corpo” , tutte narrazioni create dalla psichiatria nel secolo scorso e pervicacemente mantenute in vita, fino a condizionare fortemente la percezione che di se hanno le persone trans e la loro libertà di espressione.
Tutti i discorsi per e tra trans sembrano concentrati su ormoni, operazioni ed ospedali.
La persona trans viene vista, e portata a vedersi, come un corpo che ha qualcosa di difettoso, che deve essere aggiustato per riallinearlo alla mente, che ha bisogno di essere registrato, come una macchina che è andata fuori fase, per riportarlo ad una “serena” espressione di genere, che riconfermi l’essere “uomo” o “donna” nella società italiana.
Non esiste ancora in Italia una legge che permetta alle persone trans di veder riconosciuto legalmente il proprio genere senza prima sottoporsi ad un lungo e costoso iter medico-legale.
Le proposte di legge alternative avanzate fino ad ora, alcune delle quali proponevano di rendere il cambio anagrafico per le persone transessuali un più snello atto amministrativo, non sono mai giunte in discussione alla camera.
Riteniamo invece che la transessualità non sia assolutamente un problema legato a qualcosa che non vada nel nostro corpo o nella nostra mente, a questo presunto non “allineamento” mente-corpo,
ma che sia una questione sociale e che il non allineamento mente-corpo sia piuttosto un problema che riguarda i principi fondativi della nostra cultura occidentale cartesiana.
Proponiamo l’evoluzione di discorsi tra le persone transessuali rivolti al potenziamento della loro identità non patologica e non dipendente dal potere demiurgico del medico e per questo intraprendiamo questo viaggio attraverso le narrazioni sulla “transessualità” in altre culture non sottoposte a procedure mediche, o del ruolo che le persone “trans” hanno avuto nella storia, favorendo una identificazione positiva.

In questo testo teatrale viene contrapposta la storia di una transizione ftm del nostro paese, tra pressione sociale e dispositivi medici e alcune vicende di persone “trans” nella storia e in altre culture, per far apparire che la persona trans non ha bisogno per vivere e per identificarsi positivamente del potere “salvifico”, coercitivo e ricattatorio dei nostri dispositivi medici e legali.

Lo spettacolo è scritto e attuato da persone trans ed alla fine della performance sarà avviata una discussione su questi temi con tutte le persone presenti alla performance stessa.”

Ingresso Up to You.

Annunci

27 APRILE – UN MERCOLEDì itinerante di… VENERDI’! – in Valchiusella – “CENA BAROCCA” + “Musici, animali e macchine canore: specie e genere nella musica barocca” con Egon Botteghi

Postato il

locandina EGON 27 aprile 2018_v2

 

ll prossimo mercoledì eXtra-Ordinario, il 27 Aprile, sarà ITINERANTE.
E non sarà di mercoledì ma… di VENERDI!

Saremo ospiti della casa di Jlenia, in Valchiusella (maggiori dettagli all’atto della prenotazione).

Perché non approfittare del venerdì sera per un mercoledì fuori porta? 😉

Insieme a noi Egon Botteghi, un sempre gradito ritorno, per una serata molto speciale dedicata a specie e genere nella musica barocca.

Come sempre si inizierà con una cena eXtra-Ordinaria, alle ORE 20,00.

Questa settimana sarà la volta della “CENA BAROCCA – concerti e sonate per palati sontuosi“

Menu

antipasti

Crostini con Spuma di Fichi Secchi e Noci
Frittata all’Arancia con Salsa Verde
Polenta di Grano Saraceno al Forno con Cavolo Nero

primo

Zuppa di Fagioli e Lenticchie

dessert

Crostata di Grano

IMPORTANTE: Trovandoci in una casa privata, con un numero limitato di stoviglie, ricordatevi di provvedere voi stess* a portare il vostr* PIATTO/posata (COLTELLO, FORCHETTA E CUCCHIAIO)/bicchiere.
Vogliamo cercare di evitare il più possibile l’”usa e getta”, filosofia dalla quale ci discostiamo, e abbiamo scelto questa soluzione, che é facilmente praticabile, e già felicemente sperimentata, con il contributo di tutt* 🙂

Dopo la cena, per la rassegna ARTE E ANTISPECISMO:

“Musici, animali e macchine canore: specie e genere nella musica barocca” con Egon Botteghi

“Quando alla fine del 1500 un papa decretò che le donne non potessero più cantare in chiesa e nei teatri, furono sostituite dai cantanti castrati, uomini creati da altri uomini e spesso percepiti
come creature chimeriche, a metà tra i due generi e tra l’animale e la macchina.
Cosa racconta questa esperienza durata tre secoli al nostro sistema di sessuazione e di
speciazione?
Come mette in gioco le nostre convinzioni sul genere il cosiddetto “dilemma del castrato?
Cos’è per noi oggi una voce maschile o femminile? La sapresti riconoscere?”

Prenotazione obbligatoria.

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o 3475423760

Attenzione: solo per questa serata non sarà possibile portare il vostro cane perché a casa di Jlenia ci sono numerosi cani e gatti che ne sarebbero stressati.

8 Aprile – Un mercoledì eXtra-Ordinario di… Domenica! @ Rivodora (TO) – “Una giornata erboristica #2 – Una giornata dedicata all’autogestione della salute mediante l’utilizzo di erbe spontanee”

Postato il

locandina ME 8 aprile_v5

 

I Mercoledì eXtra-Ordinari, in collaborazione con AmiciAmbienteBaldissero, presentano

“Una giornata erboristica #2 – Una giornata dedicata all’autogestione della salute mediante l’utilizzo di erbe spontanee”

Il Programma della giornata:

* ORE 10.00Presentazione della giornata

PUNTO DI RITROVO: Centro Polivalente di  Rivodora 

INDIRIZZO: Piazza XXV  Aprile , 1 – Rivodora (frazione del comune di Baldissero Torinese)

* DALLE ORE 10.30 ALLE ORE 14.30

PASSEGGIATA GUIDATA: “Erbe fantastiche e come trovarle  – passeggiata per riconoscere e scoprire le piante officinali che ci circondano” a cura di Francesco e Federico Zanetti

La passeggiata didattica, con pic nic eXtra-Ordinario nei prati, si svolgerà con partenza dal Centro Polivalente di  Rivodora e arrivo alla chiesa di San Martino lungo il sentiero n.74, con ritorno lungo lo stesso percorso.

In caso di lieve maltempo la passeggiata verrà effettuata ugualmente ma il pranzo eXtra-Ordinario si terrà presso la struttura.

Necessari abiti adeguati a trascorrere una giornata all’aria aperta, k-way e scarpe impermeabili.

* DALLE ORE 15.00 ALLE ORE  17,00

WORKSHOP: “Petali per stare Bene: laboratorio di preparazione di tintura e oleolito con capolini di calendula”  a cura di Magda Massaglia, erborista

Materiale necessario a cura dei partecipanti: due barattoli vuoti per portare a casa un po’ dell’oleolito e della tintura preparati durante il laboratorio, da utilizzare una volta pronti.

* ORE 17,00

Tisana e merenda eXtra-Ordinaria

ALTERNATIVE AL COPERTO IN CASO DI PIOGGIA

In caso di pioggia le attività di riconoscimento delle piante della mattina si terranno presso il Centro Polivalente di  Rivodora, punto di ritrovo della giornata.

In caso di lieve o forte maltempo il pic-nic sarà sostituito da un pranzo caldo presso la struttura.

ATTENZIONE! Essenziale portare piatto da zuppa, posate e bicchiere poiché la struttura ne é priva.

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o 3475423760

UN MERCOLEDI’… NEL WEEK-END! – 24 e 25 Febbraio 2018 – FILMFESTIVAL di FANTASCIENZA e HORROR “INSETTI GIGANTI E ALIENI MOSTRUOSI – alienazioni e diversità nell’horror e nella fantascienza”

Postato il

 

 

locandona ME FESTIVAL FANTASCIENZA_v2

UN MERCOLEDI’… NEL WEEK-END!

 

I Mercoledì eXtra-Ordinari presentano il

 

FILMFESTIVAL di FANTASCIENZA e HORROR

INSETTI GIGANTI E ALIENI MOSTRUOSI”

alienazioni e diversità nell’horror e nella fantascienza

 

Viaggio-esplorazione diurno e notturno nel cinema muto e degli anni ’50 e ’60 sulle tracce dell’animalità, del diverso e dell’alterità, tra incursioni visive, sonore, narrative e culinarie.

 

 

Il programma in breve:

 

SABATO 24/2

 

ü      ORE 10,30 Laboratorio per Bambini su Salgari e le sue opere di Fantascienza per i bimbi organizzato da Atelier Héritage nell’ambito di Impressioni Urbane

 

ü      ORE 17,00 – Presentazione del Libro “Insetti giganti e alieni mostruosi. Alterità e animalità nel cinema di fantascienza degli anni ’50 e ’60″ di e con Tamara Sandrin

 

ü      ORE 20,00Cena Spaziale e Mostruosa

 

ü      ORE 22,00 –  Proiezione di “Metropolis” di Fritz Lang musicato dal vivo dai Deux Chiens d’Espace

 

ü      ORE 00,30Maratona Notturna di Film con Colazione Finale.

 

 

Tra un film e l’altro possibilità di rifocillarsi con caffé, tisane calde, dolcetti e altre

prelibatezze.

 

Portate il vostro materassino e la vostra copertina, possibilità di sonnecchiare in uno sleep-corner in caso di esaurimento forze 😉

 

Verranno proiettati durante la maratona notturna:

 

ü      “L’ultimo uomo della Terra” di Ubaldo Ragona/Sidney Salkow

 

ü      “Not of this Earth” di Roger Corman

 

ü      “La notte dei morti viventi” di George Romero

 

 

DOMENICA 25/2

 

ü      ORE 16,00 – Proiezione di “Trip to Mars” di Holger-Madsen musicato dal vivo da Rodrigo Codermatz

 

ü      ORE 18,00 – Proiezione di “L’astronave degli esseri perduti” di Roy Ward Baker

 

 

Per tutta la durata dell’evento sarà esposta la mostra: “Cosucce, o del mondo circostante e insinuante” di Marco Ferra, con la partecipazione di Marco Martz

 

 

Tutte le proiezioni sono gratuite!

 

Cena: spaziale e mostruosa: 13 euro (bevande escluse)

 

Colazione e spuntini notturni a offerta libera

 

Per info e prenotazioni per la cena: mercolediextraordinari@gmail.com

 

 

 

A seguire maggiori dettagli sul programma:

 

 

SABATO 24/2

 

ORE 10,30 Laboratorio per Bambini su Salgari e le sue opere di Fantascienza per i bimbi organizzato da Atelier Héritage nell’ambito di Impressioni Urbane

 

Maggiori informazioni qui: https://www.facebook.com/events/772384626280288/

 

ORE 17,00Presentazione del Libro “Insetti giganti e alieni mostruosi. Alterità e animalità nel cinema di fantascienza degli anni ’50 e ’60″ di e con Tamara Sandrin

 

“La fantascienza può diventare paradigma della realtà quando mette in scena i nostri comportamenti nei confronti dell’altro sia esso umano o non umano (alieno e animale). La visione e l’analisi di alcuni film di fantascienza degli anni ’50 e ’60 ci dimostra che l’approccio dell’uomo verso l’altro alieno/animale è sempre votato al dominio e alla distruzione, al disprezzo e alla denigrazione, perpetrati con tutti i mezzi possibili: prigionia e schiavitù, sfruttamento economico, produttivo e riproduttivo, nei luoghi tipici dello sfruttamento animale (zoo, circhi, acquari, fiere ed esposizioni, laboratori di ricerca e vivisezione, ecc.) dove il corpo dell’altro è usato e trattato come un oggetto con valore puramente economico. Noi “distruggiamo ciò che non riusciamo a capire”: questo ha sempre fatto e fa l’animale umano nei confronti degli animali non umani.”

 

https://www.facebook.com/events/772384626280288/

 

Tamara Sandrin, laureata in Filologia e critica dantesca, è appassionata di cinema, in particolare cinema muto e cinema di fantascienza fino agli anni ’60.

È autrice del saggio “Insetti giganti e alieni mostruosi. Alterità e animalità nel cinema di fantascienza degli anni ’50 e ’60” e della breve raccolta di poesie “Di animali e altri fantasmi”, entrambi autopubblicati.

Assieme al marito Rodrigo Codermatz cura il blog https://cavegan.wordpress.com/

 

Possibilità di acquistare in loco una copia del libro.

 

ORE 20,00Cena Spaziale e Mostruosa

 

Dopo la presentazione del libro e prima dell’inizio delle proiezioni una cena spaziale e mostruosa (cena vegetale, completamente senza crudeltà) allieterà la vista e i palati per un viaggio tra forme e colori di mondi inesplorati.

 

Tutti i piatti della cena traggono ispirazione da titoli di film.

 

Menu

 

antipasti

 

L’Invasione degli Ultracorpi

 

La Guerra dei Mondi con Blob

 

La Mantide Omicida

 

primo

 

I Mostri della Laguna Nera

 

dessert

 

Torta Nosferatu

 

 

ORE 22,00 –  Proiezione di “Metropolis” di Fritz Lang musicato dal vivo dai Deux Chiens d’Espace

 

Metropolis, Germania 1927.

Regia: Fritz Lang. Sceneggiatura: Thea von Harbou. Interpreti: Brigitte Helm (Maria), Alfred Habel (Fredersen), Gustav Fröhlich (Freder), Rudolf Klein-Rogge (Rotwang).

Genere: fantascienza.

Durata: 117 min. b/n, muto.

 

Nel 2026 la popolazione umana è divisa in due classi: gli aristocratici che vivono tra lusso e agi e gli operai che vivono e lavorano come schiavi nelle fabbriche sotterranee. La città è dominata da un dittatore, Fredersen. Suo figlio Freder incontra casualmente Maria, una giovane della classe operaia che predica la rassegnazione e la fiducia nella Provvidenza, se ne innamora e prova la dura vita degli operai. Un inventore crea un robot con le fattezze di Maria per irretire i giovani dell’aristocrazia e per incitare alla ribellione i lavoratori. L’intervento della “vera” Maria placa la rivolta operaia e riporta la concordia tra le classi sociali.

 

Deux Chiens d’Espace – Due cani nello spazio raccontano il loro viaggio.

 

Inviano segnali, interferenze e suoni che si compongono in paesaggi magnetici.

Abbagli melodici dentro sequenze aritmiche, e lampi di distorsioni dentro suoni sgranati e decomposti.

 

“I won’t leave no message, I’ll just shut my mouth and keep dreaming golden dreams….”

 

Qui un assaggio della loro musica:

https://soundcloud.com/deux_chiens_despace

 

ORE 00,30Maratona Notturna di Film con Colazione Finale.

 

Tra un film e l’altro possibilità di rifocillarsi con caffé, tisane calde, dolcetti e altre

prelibatezze.

 

Portate il vostro materassino e la vostra copertina, possibilità di sonnecchiare in uno sleep-corner in caso di esaurimento forze 😉

 

Verrano proiettat durante la maratona notturna:

 

“L’ultimo uomo della Terra” di Ubaldo Ragona/Sidney Salkow

 

L’ultimo uomo della Terra (The Last Man on Earth), Italia-USA 1964.

Regia: Ubaldo Ragona. Sceneggiatura: Richard Matheson (sotto pseudonimo Logan Swanson) e Furio M. Monetti. Interpreti: Vincent Price (Robert Morgan), Franca Bettoja (Ruth Collins), Emma Danieli (Virginia Morgan),Giacomo Rossi Stuart (Sam Cortman).

Genere: fanta-horror.

Durata: 86 min. b/n.

 

Riduzione cinematografica del romanzo di Richard Matheson “Io sono leggenda”. Un virus sconosciuto fa tornare in vita i morti trasformandoli in vampiri. Il dottor Morgan, l’unico a non essere stato contagiato, trascorre le notti a cercare di difendersi dagli assalti dei vampiri e le sue giornate alla loro ricerca per ucciderli con il classico sistema del paletto di legno piantato nel cuore. Ma ben presto scopre di non essere l’unica persona ancora dotata di intelletto e di sentimenti umani…

 

“Not of this Earth” di Roger Corman

 

Not of This Earth (Il vampiro del pianeta rosso), USA 1957.

Regia: Roger Corman. Sceneggiatura: Charles B. Griffith e Mark Hanna. Interpreti: Paul Birch (Paul Johnson), Beverly Garland (Nadine Storey), Morgan Jones (Harry Sherbourne), William Roerick (dottor Rochelle).

Genere: fantascienza.

Durata: 67 min. b/n.

 

Il signor Johnson è giunto sulla Terra dal pianeta Davanna dove gli abitanti stanno morendo per una terribile malattia del sangue. Ha continuo bisogno di sangue per sopravvivere e per procurarselo ipnotizza un medico per ottenere continue trasfusioni, uccide con il suo terribile sguardo e poi dissangua le sue vittime per mandare campioni di sangue sul suo pianeta. Quando giunge dal suo pianeta una donna bisognosa di sangue, Johnson le pratica per sbaglio una trasfusione di sangue infetto: la morte della donna fa sorgere sospetti, collegati anche ad altre strane morti e sparizioni.

 

“La notte dei morti viventi” di George Romero

 

La notte dei morti viventi (Night of the Living Dead), USA 1968.

Regia: George A. Romero. Sceneggiatura: John A. Russo e George A. Romero. Interpreti: Duane Jones (Ben), Judith O’Dea (Barbara), Karl Hardman (Harry Cooper), Marylin Eastman (Helen Cooper), Keith Wayne (Tom), Judith Ridley (Judy).

Genere: horror.

Durata: 96 min. b /n.

 

Il primo film di Romero, pietra miliare del cinema horror liberamente ispirato al romanzo di Richard Matheson “Io sono leggenda”. A causa di un virus i morti ritornano in vita divenendo zombie cannibali e assassini. Alcune persone si rifugiano in un casolare isolato e cercano di difendersi dagli assalti dei morti viventi. Ma sono destinati a soccombere.

 

 

DOMENICA 25/2

 

ORE 16,00Proiezione di “Trip to Mars” di Holger-Madsen musicato dal vivo da Rodrigo Codermatz

 

A Trip to Mars (Himmelskibet), Danimarca 1918.

Regia: Holger-Madsen. Sceneggiatura: Sophus Michaëlis e Ole Olsen. Interpreti: Nicolai Neiiendam (professor Planetaros), Gunnar Tolnæs (Avanti Planetaros), Zanny Petersen (Corona Planetaros), Frederik Jacobsen (prof. Dubius), Svend Kornbeck (David Dane), Alf Blütecher (dot. Krafft).

Genere: fantascienza.

Durata: 81 min. b/n, muto.

 

Il professor Planetaros progetta e fa costruire un aereo spaziale (una via di mezzo tra un dirigibile e un biplano) con cui suo figlio, assieme a un gruppetto di temerari, parte alla volta di Marte.

Dopo un viaggio di sei mesi finalmente raggiungono la loro meta: Marte sembra un paradiso terrestre e i marziani sono pacifici e pacifisti, vegetariani, dediti a canti, danze e studi.

Dopo aver trascorso sul pianeta un periodo di arricchimento spirituale, i terrestri fanno ritorno sulla Terra portando con sé anche dei doni e un messaggio di pace e amore.

 

Rodrigo Codermatz – Pianista blues e polistrumentista autodidatta.  Si é avvicinato alla musica fin da piccolissimo rubando l’armonica al nonno, per poi passare all’organo, alla chitarra, al pianoforte e approdare infine alla sega musicale e al theremin. Negli ultimi dieci anni ha coniugato la passione per la musica con un’altra passione della sua vita, il cinema muto, seguendo le Masterclasses del Pordenone Silent Film Festival per l’accompagnamento pianistico di film muti, tenute dai migliori pianisti e musicisti del settore.

Come filosofo antispecista si occupa dello studio del rapporto tra antispecismo e psicoanalisi, analizzato in vari articoli pubblicati su “Liberazioni – Rivista di critica antispecista”, sul blog http://cavegan.wordpress.com, nei saggi “Veganesimo e famiglia. Una lettura secondo la teoria interpersonale”, “Spectra. La struttura bi-logica dello specismo” e la raccolta di articoli “Scritti animalisti”.

 

ORE 18,00Proiezione di “L’astronave degli esseri perduti” di Roy Ward Baker

 

L’astronave degli esseri perduti (Quatermass and the Pit), Gran Bretagna 1967.

Regia: Roy Ward Baker. Sceneggiatura: Nigel Kneale. Interpreti: Andrew Keir (dott. Quatermass), Barbara Shelley (Barbara Judd), James Donald (dott. Roney), Julian Glover (colonnello Breen).

Genere: fantascienza.

Durata: 97 minuti. Colore.

 

Durante gli scavi per l’ampliamento della metropolitana di Londra, nei pressi di Hobb’s Lane vengono ritrovati alcuni scheletri di ominide del Pleiocene all’interno e all’esterno di una navicella spaziale, in cui vengono ritrovati anche degli artropodi giganti. Nello stesso tempo iniziano a manifestarsi fenomeni telecinetici, apparizioni di “fantasmi”, allucinazioni, presenze demoniache, finché si scatena una forza maligna e invisibile che provoca una serie di violenze a catena, linciaggi e omicidi.

 

 

Per tutta la durata dell’evento sarà esposta la mostra: “Cosucce, o del mondo circostante e insinuante” di Marco Ferra, con la partecipazione di Marco Martz

 

“Cosucce, o del mondo circostante ed insinuante

 

piccoli esseri striscianti e croccanti

buoni da mangiare o che fanno ribrezzo

 

cosa ti porta ribrezzo? il rumore? il colore?

l’imprevedibile movimento nel volo e nella corsa

 

cosa ti seduce? cosa ti spinge a cercare di avvicinarli?

che seduce gli occhi

che ipnotizza

 

Tanti piccoli esseri del mondo in cui viviamo e a cui non prestiamo attenzione,

condensati in una unica mostra concepita e realizzata pensando ai perché che non ci si pone

 

Piccole cose di un mondo parallelo

 

Dieci opere pittoriche e quattro installazioni ad opera di Marco Ferra che indagano

i dettagli di un micromondo sempre presente nel quotidiano, vissuto dalla civiltà attuale

come alieno. A volte dimenticato.

La bellezza di ciò che comunemente viene considerato l’orrido è fra i temi della mostra.

Il dettaglio è il cuore della bellezza, i colori esaltano la vitalità di questo universo.”

 

Link alla mostra su exibart

http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=151274

 

Marco Ferra (El hombre del árbol) -Nato e nutrito a Milano, disegna sin da piccolo con tutto ciò che trova: matite, pastelli, sapone, sassi e molliche. Crescendo inizia a frequentare artisti e pittori che gli insegnano tecniche artistiche e metodi di osservazioni della realtà e, soprattutto, del sè.

Inizia l’attività di pittore avendo come soggetti principale nudi di donna. In anni successivi mischia sulla sua tavolozza lo stile di vita vegan grazie al quale inizia ad inserire nei suoi lavori anche figure di animali non umani.

L’oro, che “come la follia, è un bene prezioso’, è una componente costante nei suoi lavori.

‘Donne e uomini, animali umani e animali non umani, le vere meraviglie del nostro mondo,

rappresentanti della bellezza universale”.

 

Marco Martz è un disegnante. Da diversi anni si muove nel territorio nazionale presentando diverse mostre personali, ha collaborato con il Teatro Lila  come bozzettista di scena

Ha pubblicato le sue vignette, illustrazioni e fumetti, con la rivista Polvere e le case editrici Eris e PesciRossi.

Mostra i suoi lavori performativi collaborando con artisti musicali come i Fuco ed i Liquido di morte.

Insomma, se c’è da disegnare M.Martz c’è.

 

 

Tutte le proiezioni sono gratuite!

 

Cena: spaziale e mostruosa: 13 euro (bevande escluse)

 

colazione e spuntini notturni a offerta libera

 

Per info e prenotazioni per la cena: mercolediextraordinari@gmail.com

14 Ottobre – Un mercoledì eXtra-Ordinario di… Sabato! – “Un mercoledì tra gli Alberi… adottane Uno!”

Postato il

locandina ME 14 ottobre 2017_v2

Eccoci, siamo tornate!

Sabato 14 Ottobre ci incontreremo a Roletto (TO) per il pic-nic inaugurativo di una nuova stagione eXtra-Ordinaria.

Saremo ospiti del giardino di Giorgio e la sua casa ci accoglierà in caso di maltempo.

La giornata sarà incentrata sul tema degli Alberi perché in questo giardino ci sono tanti piccoli esemplari in cerca di casa.

Se non hai un giardino dove piantarli vieni a prenderne ugualmente uno e trapiantalo dove vuoi 🙂

Durante la giornata ci saranno anche letture arboree itineranti a cura di Roberto Accornero e l’incontro con il gruppo “Alberi Urbani – Lungo Po Antonelli – Michelotti”.

Programma della giornata eXtra-Ordinaria:

L’arrivo a casa di Giorgio è previsto per le ORE 12.00

Prima di pranzo – alle ORE 12.30 circa –  verremo trasportati nel linguaggio degli alberi da una prima lettura itinerante: Letture sotto il Gelso

ORE 13,00 – “Tutti i Frutti in Pic-Nic”

Come sempre durante i mercoledì itineranti porta con te: posate, piatto, bicchiere (NON usa e getta!) e, questa volta… attrezzi per il giardinaggio, se ne hai, e vaso (o l’occorrente per trasportare a casa tua un piccolo alberello)!

A seguire

ORE 14.00 Caffé e Passeggiata con Letture sotto la Quercia

A seguire “Gli Alberi in Città: una minaccia o una risorsa? – piantiamola e non abbattiamo(ci)” – incontro con “Alberi Urbani” con Giovanna Grillo e Roberto Accornero

Il gruppo “Alberi Urbani – Lungo Po Antonelli – Michelotti” é un gruppo spontaneo di Torinesi, uniti dall’amore per gli alberi e dal desiderio di tutelarne la sempre più precaria e difficile vita in città.

Si chiama così dal luogo dove si è tenuto, nel marzo 2016, il primo incontro tra residenti, addolorati per l’abbattimento (tra il 2014 e il 2015) di circa 400 alberi sulla sponda del fiume.

Verso le  ORE 16.30… il momento tanto atteso! L’ Adozione di Piccoli Alberi!

Porta con te il necessario per trasportali nella loro nuova casa.

Gli alberi in adozione sono esemplari cresciuti in posizioni che non permettono a Giorgio di tenerli e di farli crescere, per cui cercano una nuova sistemazione.

Gli alberi in cerca di casa sono:

20 banani del nord

50 gelsi

2 fichi

8 querce

8 noccioli

8 noci

3 piccole piante di bamboo

1 forsizia

Attenzione: la maggior parte sono alberi ad alto fusto che non vivono bene in vaso e che necessitano di trapianto in piena terra.

Se non hai un giardino portali nel bosco o trapiantali dove vuoi tu 🙂

A completare la giornata un ultimo momento di lettura all’interno della profumata pineta.

L’indirizzo preciso sarà fornito al momento della prenotazione.

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o  3475423760

29 MARZO – mercoledì eXtra-Ordinario ITINERANTE – CENA: “LA CENA VACCABOVE” + CONCERTO – lili refrain + deux chiens d’éspace

Postato il Aggiornato il

 

locandina ME 29 marzo 2017_v3

 

Un mercoledì eXtra-Ordinario itinerante molto partcolare, questo, una serata al Jazz Club Le Ginestre… dedicata alla musica che ci ispira.

Verrà infatti a trovarci Lili Refrain, le cui note tante volte ci hanno accompagnate durante le nostre sessioni di cucina eXtra-Ordinaria, e che stavolta sarà protagonista assoluta, anche della cena.

Alle ORE 20,00 si cominica con “LA CENA VACCABOVE – una demoniaca cena ispirata alla musica di lili refrain”

menu

antipasti

Incipit d’Arancione
Una Ciotola Che… 666 Burns!
Invernalia di Cavolfiore con Pistacchi Tostati
Vulcanessa Ipnotica di Patate

primo

Ignis (fire on three pasta kinds)

dessert

Tronchetto con Polyphylla fullo e Ictus di Kiwi

A seguire:

CONCERTO – lili refrain + deux chiens d’éspace

LILI REFRAIN

Lili Refrain è una chitarrista, compositrice e performer romana. Dal 2007 ha un progetto solista in cui suona chitarra elettrica, voce e loop in tempo reale senza alcun ausilio di computer o tracce pre-registrate. I suoi brani scaturiscono dall’orchestrazione delle innumerevoli sovrapposizioni che crea dal vivo, mescolando l’ambient minimalista a psichedelia, folk, blues, metal, opera lirica e virtuosismi chitarristici.

La sua padronanza tecnica e il suo raffinato gusto compositivo sorprenderanno l’ascoltatore immerso nella suggestiva atmosfera di un’intera orchestra oltre i confini di qualsivoglia genere musicale.
Negli ultimi anni ha suonato incessantemente in tutta Italia e in Europa.
Ha realizzato tre album che vantano eccellenti critiche da parte di riviste del settore e webzine nazionali ed internazionali: “Lili Refrain” autoproduzione del 2007 ; “9” uscito nel 2010 con Trips Und Träume/Three Legged Cat; “KAWAX”, uscito in CD e vinile per SUBSOUND RECORDS e SANGUE DISCHI.

Un assaggio musicale:
https://lilirefrain.bandcamp.com/album/lili-refrain

DEUX CHIENS D’ESPACE

Due cani nello spazio raccontano il loro viaggio.
Inviano segnali, interferenze e suoni che si compongono in paesaggi magnetici.
Abbagli melodici dentro sequenze aritmiche, e lampi di distorsioni dentro suoni sgranati e decomposti.
“I won’t leave no message, I’ll just shut my mouth and keep dreaming golden dreams….”

Qui un assaggio della loro musica:
https://soundcloud.com/deux_chiens_despace

Questa settimana saremo ospiti del Jazz Club Le Ginestre, in Via Valprato 15 , a Torino.

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o 3451122925