Intersezioni

2 MAGGIO – mercoledì eXtra-Ordinario – “THE HOT DINNER” + “AWARE: laboratorio pedagogico ed educativo sulla diversità” a cura del Collettivo SobreMesa

Postato il

locandina ME 2 maggio

Siamo agli sgoccioli…  mancano 2 mercoledì eXtra-Ordinari alla fine della sesta stagione 🙂

Il penultimo mercoledì sarà una serata dedicata alla diversità, tema che affronteremo con un laboratorio pratico insieme al collettivo SobreMesa

L’inizio é previsto per le ORE 20,00 con la CENA: “THE HOT DINNER – mille sfumature di piccantezza”

menu

antipasti

Friggitelli al Profumo d’Oriente
Chili Vegan all’Habanero Valchiusellese
Hummus Piccante

primo

Pasta all’Arrabbiata

dessert

Cupcakes al Doppio Cioccolato e Peperoncino

A seguire, dopo la cena, ci si sposta nel salone pluriuso per il laboratorio pedagogico sulla diversità “AWARE” a cura del Collettivo SobreMesa

“Aware
E se la Ricchezza dell’Uomo si nascondesse nella sua Diversità?

Aware è una parola un po’ magica, di quelle che tolgono il respiro e lasciano sospesi tra le lacrime agrodolci del Passato e il sorriso speranzoso del Futuro.
Aware è la consapevolezza di non essere soli e di potersi sempre af-fidare agli Altri per sentirsi(,) unici.
Aware è un clown. Anzi! Aware è Il Clown per eccellenza, un bambino che pittura il cielo con i colori della Differenza e ne fa Poesia.
In questa serata straordinaria verrà proposto un laboratorio di ri-umanizzazione e di sensibilizzazione al Diverso, cui farà perno la figura del Clown: attraverso esercizi, letture, spazi di confronto e condivisione, musiche e silenzi, si cercherà di dare voce al piccolo-grande Aware che esiste in ognuno di noi, per riportarlo a respirare il profumo dell’Amore e della Libertà.”

Informazioni importanti per i partecipanti: indossare vestiti comodi e portare calze antiscivolo

Sobremesa è una tavola rotonda attorno alla quale ci si siede per non sentirsi soli, un’iniziativa brillante che tenta di far sorridere il Mondo.

Per saperne di più sul Collettivo SobreMesa: https://www.facebook.com/sobremesasiamonoi/

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o 3475423760

Anche questa sera ci troverete in Via Baltea 3.

Annunci

SABATO’ 28 APRILE * EVENTO SPECIALE: UN MERCOLEDI’… DI SABATO! Spettacolo teatrale “Mi chiamo Egon # 2 – Un posto nella storia” di e con Egon Botteghi

Postato il

locandina EGON 28 aprile 2018_v3

UN MERCOLEDI’… DI SABATO!

E un evento speciale…. alle ORE 21,00, al Café des Arts,
via principe amedeo 33\F – Torino

i mercoledì eXtra-Ordinari sono lieti di presentare lo spettacolo teatrale

“Mi chiamo Egon # 2 – Un posto nella storia” o “Transistor: storie di r-esistenze trans” di e con Egon Botteghi

Mi chiamo Egon # 2 “Un posto nella storia”

“Noi persone trans abbiamo bisogno di sapere di non essere escrescenze nate sulla pelle delle tecnologie mediche occidentali e sottoprodotti del capitale ma che scorriamo da sempre nel sangue degli esseri viventi, che siamo reali.

La narrazione riguardo alle persone trans in Italia è ancora bloccata ad una idea patologizzante e di derivazione psichiatrica:
nel nostro paese si parla infatti ancora delle persone trans come “persone nate nel corpo sbagliato”, persone che “soffrono perchè prigioniere del proprio corpo”, persone che “odiano il proprio corpo” , tutte narrazioni create dalla psichiatria nel secolo scorso e pervicacemente mantenute in vita, fino a condizionare fortemente la percezione che di se hanno le persone trans e la loro libertà di espressione.
Tutti i discorsi per e tra trans sembrano concentrati su ormoni, operazioni ed ospedali.
La persona trans viene vista, e portata a vedersi, come un corpo che ha qualcosa di difettoso, che deve essere aggiustato per riallinearlo alla mente, che ha bisogno di essere registrato, come una macchina che è andata fuori fase, per riportarlo ad una “serena” espressione di genere, che riconfermi l’essere “uomo” o “donna” nella società italiana.
Non esiste ancora in Italia una legge che permetta alle persone trans di veder riconosciuto legalmente il proprio genere senza prima sottoporsi ad un lungo e costoso iter medico-legale.
Le proposte di legge alternative avanzate fino ad ora, alcune delle quali proponevano di rendere il cambio anagrafico per le persone transessuali un più snello atto amministrativo, non sono mai giunte in discussione alla camera.
Riteniamo invece che la transessualità non sia assolutamente un problema legato a qualcosa che non vada nel nostro corpo o nella nostra mente, a questo presunto non “allineamento” mente-corpo,
ma che sia una questione sociale e che il non allineamento mente-corpo sia piuttosto un problema che riguarda i principi fondativi della nostra cultura occidentale cartesiana.
Proponiamo l’evoluzione di discorsi tra le persone transessuali rivolti al potenziamento della loro identità non patologica e non dipendente dal potere demiurgico del medico e per questo intraprendiamo questo viaggio attraverso le narrazioni sulla “transessualità” in altre culture non sottoposte a procedure mediche, o del ruolo che le persone “trans” hanno avuto nella storia, favorendo una identificazione positiva.

In questo testo teatrale viene contrapposta la storia di una transizione ftm del nostro paese, tra pressione sociale e dispositivi medici e alcune vicende di persone “trans” nella storia e in altre culture, per far apparire che la persona trans non ha bisogno per vivere e per identificarsi positivamente del potere “salvifico”, coercitivo e ricattatorio dei nostri dispositivi medici e legali.

Lo spettacolo è scritto e attuato da persone trans ed alla fine della performance sarà avviata una discussione su questi temi con tutte le persone presenti alla performance stessa.”

Ingresso Up to You.

7 FEBBRAIO – mercoledì eXtra-Ordinario – “SAGRA DELLA ZUCCA” + incontro con la Rete di Solidarietà Briser les Frontières

Postato il Aggiornato il

locandina ME 07 febbraio 2018_v2

Mercoledì 7 Febbraio ci incontreremo in via Baltea 3 per un mercoledì eXtra-Ordinario dedicato al tema della militarizzazione delle frontiere e della libertà di circolazione delle persone insieme alla Rete di Solidarietà Briser les Frontières.

La serata inizia alle ORE 20,00 con la Cena: “LA SAGRA DELLA ZUCCA… specialità da gustare prima che le zucche si trasformino in carrozze”

Menu

antipasti

Vellutata di Zucca con Crema di Mandorle al Limone
Spiedini di Zucca, Tempeh e Cavolini di Bruxelles
Milanese di Zucca con Maionese al Prezzemolo

il tutto accompagnato da Pane alla Zucca Home-Made

primo

Pizzoccheri con Salsa di Zucca e Nocciole Tostate al Profumo di Salvia

dessert

Torta di Zucca e Arance di S.O.S. Rosarno

A seguire:

MOVIMENTI/INTERSEZIONI: incontro con il gruppo Briser les Frontières

“Nell’ ambito dell’ ultimo anno la frontiera di Ventimiglia è stata completamente militarizzata, costringendo di fatto i migranti a cercare più a nord dei valichi per la Francia.
Storicamente la Valsusa è stata sempre territorio di passaggio per chi aveva necessità di oltrepassare le Alpi, la scorsa estate però i numeri di coloro che hanno tentato la traversata sono di gran lunga aumentati rispetto agli anni precedenti.
Negli ultimi mesi, la stazione dei treni di Bardonecchia ha visto tra i 15 e i 50 passaggi giornalieri.
La voce di una possibilità è corsa di bocca in bocca ed oggi, nonostante il gelo che è sceso sul Colle della Scala e sul Monginevro, ci sono all’ incirca una decina di persone che, scarsamente equipaggiate, tentano la traversata ogni giorno, molte delle quali non hanno mai visto la neve.
Il comune di Bardonecchia, estremamente preoccupato di fare una brutta figura con chi ha la fortuna di essere chiamato turista, ha deciso di chiudere la stazione dei treni alle 21 buttando letteralmente in mezzo alla strada coloro che cercano un riparo per la notte.
Si getta la polvere sotto al tappeto, aspettando la tragedia nell’ indifferenza.
Ancora è ben chiaro in noi il ricordo di Mamadou, il ragazzo di 27 anni trovato in stato diipotermia sul Colle della Scala l’ inverno passato, cui hanno dovuto amputare entrambe i piedi e quest’anno i passaggi sono aumentati di molto.
Tra la Valsusa ed il Brianzonese è nata una rete di persone che hanno scelto la solidarietà all’indifferenza, una rete che abbiamo deciso di chiamare Briser les Frontières.
Abbattere le frontiere, un obiettivo comune tra chi lotta contro coloro che devastano la natura per movimentare merce e turisti sui terreni ad alta velocità, mentre chiudono tutti gli spazi a coloro che non gli rendono il giusto profitto, preparando il terreno di quello che rischiano di far diventare l’ ennesimo cimitero a cielo aperto.
L’ indifferenza è complicità!”

Potete trovare qualche informazione in più nella loro pagina facebook: https://www.facebook.com/briserlesfeontieres/

In occasione della serata faremo anche una raccolta del materiale che attulamente serve maggiormente:

– scarponi o stivali dal numero 44 in su
– sciarpe
– guanti
– calzini
– berretti
– occhiali da sole abbastanza coprenti
– scaldacollo
– tute da sci
– giacche tecniche o da sci (NO montoni, giacche leggere, gilé o simili)

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o 3475423760

 

10 GENNAIO 2018 – mercoledì eXtra-Ordinario– “CENA ROSSA” + “Teoria intersezionale e antispecismo” con Aldo Sottofattori

Postato il

locandina ME 10 gennaio 2018

I mercoledì finalmente ritornano, dopo una pausa di meritato riposo.

Tornano le serate in via Baltea 3, che ci ospita nuovamente nella sua caffetteria, e tornano gli itineranti (questi ultimi non sempre di mercoledì, seguiranno sorprese e lunghe ore da condividere).

Come ogni anno inaugura la nostra eXtra-Ordinaria stagione (la sesta!) Aldo Sottofattori, questa volta con un intervento dal titolo: “Teoria intersezionale e antispecismo”.

Il primo appuntamento é mercoledì 10 Gennaio alle ORE 20,00 presso il bar di Via Baltea 3.
In onore di Aldo si inizia con “LA CENA ROSSA” – se la rivoluzione comincia dal piatto allora comincia di mercoledì

menu

antipasti

Dhal di Lenticchie Rosse
Fiammiferi di Pignoletto Rosso con Salsina Infuocata
Radicchio Rosso Tardivo al Forno con Briciole Croccanti e Melagrana

il tutto accompagnato da Pane Rosso Home-Made

primo

Pennette al Pesto di Barbabietole, Mandorle e Pistacchi

dessert

Panettone Autoprodotto ai Frutti Rossi con Cremina Golosa

A seguire:

APPROFONDIMENTI/INTERSEZIONI: “Teoria intersezionale e antispecismo” con Aldo Sottofattori

“È possibile mettere in campo possibili iniziative di convergenza tra l’antispecismo e gli altri movimenti di emancipazione umana? Una risposta positiva viene offerta dalla teoria intersezionale, ma questa stessa teoria risulta per certi versi problematica. Inoltre, come è possibile comporre l’antispecismo con posizioni sviluppatesi all’interno di ideologie “umaniste”? L’incontro offrirà alcuni contributi per ragionare su questioni ancora aperte e degne di approfondimento.”

Siete tutte e tutti invitate a portare il vostro punto di vista nella discussione aperta che seguirà l’intervento.

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o 3475423760

21 GIUGNO – mercoledì eXtra-Ordinario– “CENA INDIANA” + presentazione del libro “CIE e complicità delle organizzazioni umanitarie” di e con Davide Cadeddu

Postato il Aggiornato il

locandina ME 21 giugno 2017

…  Eccoci alla fine della stagione!

Quello di questa settimana sarà l’ULTIMO eXtra-Ordinario TORINESE quindi se volete salutarci e condividere con noi cena e contenuti ci potrete trovare ancora una volta – questo mercoledì – in Via Baltea 3.

Si inizia alle ore 20,00 – con una cena della rassegna “LE CENE SENZA CONFINI”: UNA CENA INDIANA.

Menu

antipasti
Pakora
Samosa Integrali
accompagnati da Raita con Menta e Cetriolo


piatto unico
Riso basmati con
Baingan Bharta
Dhal di Lenticchie Rosse
Madras Curry

dessert
Halva

A seguire:

EDITORIA/INTERSEZIONI – presentazione del libro “CIE e complicità delle organizzazioni umanitarie”, ed. Sensibili alle Foglie, 2013 di e con Davide Cadeddu

“In Italia, in tredici Centri di Identificazione ed Espulsione sono recluse oggi migliaia di persone – nel 2012, 7.012 uomini e 932 donne – che hanno la sola colpa di essere migranti. Miliardi di euro vengono spesi per trattenere queste persone e poi espellerle, verso i Paesi dai quali erano faticosamente e onerosamente partite. Molti di questi soldi pubblici finiscono nelle tasche delle organizzazioni “umanitarie” che hanno accettato di gestire i CIE, ben sapendo che i dispositivi fondamentali sui quali questi non-luoghi sono costruiti sono gli stessi che hanno caratterizzato i campi di internamento storici, compresi i lager nazisti. Le frequenti manifestazioni di disagio dei reclusi nei Centri non lasciano dubbio alcuno sulle condizioni di vita al loro interno. E, d’altra parte, chiudere in gabbia delle persone che si spostano nel mondo non sembra in ogni caso una risposta accettabile. Questo libro vuole aprire una riflessione seria e non ideologica sull’istituzione CIE e invita ciascuno di noi a confrontarsi con la propria personale responsabilità riguardo alla loro esistenza.”

Davide Cadeddu (1974), educatore, insegnante e formatore. Vive a Torino, dove, negli ultimi 16 anni, ha promosso e coordinato progetti socioeducativi e formativi nell’ambito del lavoro di strada, delle tossicodipendenze, dell’aggregazione giovanile, dell’accoglienza dei migranti e dei richiedenti asilo politico; ha lavorato nella formazione professionale con giovani e adulti. Attualmente lavora come educatore in una comunità per minori. Ha dato vita all’Associazione Onda Urbana e al progetto “Tana Libera Tutti”, nel quartiere torinese di Porta Palazzo.

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o 3451122925

3 MAGGIO – mercoledì eXtra-Ordinario – “Cena Verde” + “Esistono solo due sessi? Una riflessione a partire dalle esperienze delle persone con variazioni intersessuali”

Postato il

locandina ME 3 maggio 2017_v

… Ed eccoci pronte per il mese di Maggio… il mese comincia subito intersecandosi, con una serata dedicata all’intersessualità e alle riflessioni sui parallelismi tra le categorie normative di specie e di sesso.

La serata inizia alle ORE 20,00.

Per la rassegna LE CENE COLORATE: CENA VERDE.

Menu

Crêpes con gli Asparagi
Bruschetta all’Olio Aromatico
Insalata Fresca con Salsa allo Yogurt

primo

Lasagne Verdi

dessert

Crostata con Crema di Kiwi

A seguire:

Per la rassegna INTERSEZIONI: “Esistono solo due sessi? Una riflessione a partire dalle esperienze delle persone con variazioni intersessuali”

con

Christian Mori, attivista Intersex del gruppo donna Arcigay Milano
Nicole Braida, attivista di intersexioni e dottoranda in Sociologia
Roberta De Nardi, antropologa

“L’antispecismo mette in dubbio che le differenze fra le specie, in modo particolare fra esseri umani e animali, siano tali da giustificare l’ordine gerarchico che ne regola i rapporti. Allo stesso modo il caso rappresentato dalle persone intersessuali ci porta a mettere in discussione la rigidità con cui vengono intesi il sesso maschile e femminile. L’esistenza dei corpi intersessuali ci porta a interrogarci su quanto ci sia di “naturale” nella divisione dei sessi per come ci è stata insegnata (come due insiemi distinti e opposti) e a considerare altre possibili categorizzazioni: per esempio, perché non vedere il sesso come una linea che presenta un continuum di variazioni possibili? Partendo dall’esperienza di un attivista intersex ragioniamo insieme sul potere normativo che hanno alcune categorie come specie e sesso.”


Questa settiman ci trovate in Via Baltea 3.

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o 3451122925

P.S. In allegato la locandina della serata e il programma del mese di Maggio.

19 APRILE – mercoledì eXtra-Ordinario – Cena Palestinese + “Palestinian Animal League Solidarity – diritti e giustizia per tutti i Palestinesi, indipendentemente dalla specie”

Postato il Aggiornato il

locandina ME 19 aprile 2017

Questa settimana le nostre cene senza confini ci portano in PALESTINA e alla Palestina sarà dedicato anche il dopocena. Andremo infatti a incontrare le volontarie di Pal Solidarity Italia e parleremo di Palestina e di diritti e giustizia per tutti i Palestinesi, indipendentemente dalla specie.

Si comincia alle ore 20,00 con la CENA PALESTINESE.

Menu

antipasti

Mana’ish za’tar (Focaccine con lo Za’tar)
Zahra Bi Tahineh (Cavolfiori in Salsa Tahin)
Rummaneyye (Zuppa di Lenticchie e Melograno)

primo

Tabbuleh con Menta e Pomodorini

dessert

Sfouf

Dopo cena Francesca De Maria e Grazia Parolari, rappresentanti di Pal Solidarity Italia ci faranno conoscere un po’ meglio la recente storia palestinese, le loro esperienze di volontarie e l’attività di Pal (Palestinian Animal League).

Creata nel 2011, la Palestinian Animal League (PAL) è la sola organizzazione per la protezione degli animali che opera all’interno dei Territori Palestinesi Occupati. Composta da soli volontari, PAL porta assistenza veterinaria e realizza altri interventi per migliorare la condizione degli animali; promuove programmi di educazione e cerca di sensibilizzare le comunità locali (particolarmente i bambini) in modo da capire quali siano i problemi legati agli animali e trovare delle soluzioni; promuove l’alimentazione vegetariana e vegana attraverso programmi di educazione e supporto.

Per saperne di più: https://pal.ps/it/

Anche questa settimana ci troverete in Via Baltea 3.

Informazioni e prenotazioni: mercolediextraordinari@gmail.com o 3451122925